Curiosità


Curiosità

- Le origini del caffè - Il vino caffè - Il caffè più caro al mondo
- Caffè e doping - Il primo Bar - Caffè proibito

Le origini del caffè
Fra storia e leggenda, la scoperta del caffè si fa comunemente risalire a una casualità: un giovane pastore di un villaggio dell'Etiopia, Kaldi, nel 600-800 A.C., notò che le pecore che avevano mangiato le bacche rosse di un arbusto si comportavano in modo strano: sembravano ballare e restavano sveglie tutta la notte.

Le bacche furono quindi impiegate da alcuni monaci, che l'adottarano per restare svegli durante le lunghe veglie di preghira. Per queste virtù "miracolose", il suo uso si diffuse dapprima di monastero in monastero e quindi nell'intera regione.



Il vino caffè
Si crede che il caffè sia dapprima stato assunto come bevanda alcolica, frutto della fermentazione della poltiglia di chicchi maturi, con un procedimento molto simile a quello della produzione del vino.

I chicchi di caffè essicati al sole ispirarono successivamente l'idea del caffè come bevanda analcolica.




Il caffè più caro al mondo
E' il caffè Kopi Luwak, prodotto in Indonesia, la cui produzione è di circa 230 Kg. all'anno, venduti a svariati centinaia di euro il chilo.

La particolarità? I chicchi utilizzati per la sua produzione derivano dall'intestino di un animale, la civetta delle palme, che li mangia e li espelle, pressochè intatti. Questi vengono raccolti, ripuliti dall'involucro e utilizzati per il prezioso caffè, dall'aroma unico e speciale.


Caffè e doping
Molti sanno che la caffeina è inserita tra le sostanze proibite dal Comitato Olimpico Internazionale.

Non tutti sanno invece che sono sufficenti 12 microgrammi per millilitro di urine per essere esclusi dalle Olimpiadi, più o meno il contenuto di 5 tazzine di caffè soltanto.



Il primo Bar
Il primo bar della storia sembra risalire al 1475 e vede la sua nascita a Costantinopoli (attuale Istanbul).

Proprio come oggi, erano luoghi di grande socialità, dove si parlava, si ascoltava musica, si vedeva ballare, si giocava a scacchi ed altri giochi, oltre a bere caffè. Per tutte queste occasioni di conoscenza, venivano definiti "Scuole di Saggezza".


Caffè proibito
Vari sono stati gli ostacoli che il caffè ha dovuto superare nella sua diffusione. Uno dei più noti è stata la richiesta rivolta a Papa Clemente VII di vietarlo in Italia perchè proveniente dal mondo mussulmano. Pare che il Papa ne apprezzò l'aroma e rese il caffè una bevanda anche cristiana. In Inghilterra, invece, Re Carlo II tentò di vietare le "coffee houses" perchè considerate culla della rivoluzione. La protesta popolare lo indusse però a tornare sui suoi passi dopo soli 11 giorni.